Regole per la Cremazione – Ad resurgendum cum Christo – Un’occasione sprecata

La presentazione delle linee guida sulla pratica crematoria, manifesta per l’ennesima volta lo stato di inconsapevolezza che sta dietro la fede di molti Cattolici, fedeli si nella forma, ma bisognosi di linee guida nella sostanza. Non sanno, non ricordano, preferiscono altro, come fosse una semplice questione di scelta tra due indumenti, tra una foma e un’altra.

Perchè seppelliamo i cadaveri?

Essendo il Cristianesimo una diretta emanazione dell’Ebraismo, ne eredita anche le pratiche di sepoltura, non mancando però di stravolgerne il significato. Nell’Ebraismo è il corpo ad essere considerato sacro non il luogo, e il defunto oltre che meritare rispetto per la sua condizione, merita una sepoltura inviolabile. A garanzia di questo abbiamo visto più volte Haredim protestare contro gli scavi archeologici dei luoghi di sepoltura ebraici, non di rado lanciando pietre e minacciando ritorsioni.

tomba-cremazioneIl Cristianesimo ha ereditato la sacralità del corpo, ma relegandola ad una dimensione personale, ad una responsabilità soggettiva di buona condotta in vita. Il corpo del defunto quindi non porta con se quella sacralità, ma si trasforma in un oggetto inanimato nell’attesa della resurrezione dei morti e del Giudizio finale.

Non più corpo sacro quindi, ma corpo vuoto in attesa di risorgere ed essere giudicato. Corpo vuoto da tumulare in luogo sacro. Domandandosi chi possa rendere sacro un luogo, ci si accorge essere una questione di competenze più che di religione.

Un inarrestabile incremento

“L’inarrestabile incremento” della pratica crematoria tra i Cattolici ha spinto la Chiesa Romana a fare chiarezza senza però scontrarsi con usi e costumi, ma suggerendo come e quando si possa ma non si debba ricorrere a questa pratica. In sostanza vengono vietate tutte le forme di dispersione, e la conservazione domestica delle ceneri. Cremare si, ma conservare le ceneri al cimitero. Così è, senza perchè e senza percome.

Nessun riferimento alla sacralità del corpo, nessun riferimento alla resurrezione dei morti e al giudizio ultimo. L”importante è continuare a seppellire in luoghi sacri, ed è proprio quello che viene suggerito per evitare forme privatistiche di devozione, per scongiurare forme panteistiche, naturalistiche o nichilistiche.

Forme privatistiche di devozione

Una delle forme di devozione più diffusa in buona parte dello stivale, vede tombe sfarzose e arredi funebri di varia specie fare sfoggio sulle tombe dei cari estinti. Bandiere calcistiche, oggetti posseduti dal defunto, sigarette e cimeli poggiati sulla pietra funebre, senza scordare il più comune tripudio floreale che spesso batte Sanremo durante il festival.

Tutto questo non deve farci scordare quelli che alcuni hanno definito i “residenti del cimitero”, persone travolte dal lutto e incapaci per volontà o per debolezza di staccarsi dal luogo di sepoltura, che finiscono per frequentare anzitempo da vivi come fossero defunti anch’essi.

Per costoro nessuna linea guida, nessuna obiezione sul malsano attaccamento al defunto, nessun sermone sulla sacralità del corpo, il proprio, della vita, la propria, sulla devozione privatistica del postumo luttuoso non più “momento”, ma immutabile condizione dei vivi.

Una grande occasione sprecata, senza dubbio, l’occasione di tendere la mano a chi è rimasto chiuso dentro al cimitero insieme ai suoi cari, nonostante i cancelli aperti.

Share Button

Leave a Reply


Warning: fsockopen(): php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /web/htdocs/www.zigolo.net/home/013/wp-content/plugins/sweetcaptcha-revolutionary-free-captcha-service/library/sweetcaptcha.php on line 71

Warning: fsockopen(): unable to connect to www.sweetcaptcha.com:80 (php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known) in /web/htdocs/www.zigolo.net/home/013/wp-content/plugins/sweetcaptcha-revolutionary-free-captcha-service/library/sweetcaptcha.php on line 71
Couldn't connect to server: php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known (0)